parallax background

La sedia blu

agosto 30, 2017
In una famiglia di topi
agosto 28, 2017
Sulla collina
settembre 3, 2017
 

La sedia blu

Dai 3 anni
Claude Boujon - Babalibri

L e scuole chiudono per molto più tempo degli uffici o delle attività commerciali e in estate c'è sempre il problema per i genitori di capire dove e con chi lasciare i bambini. Noi quest'anno abbiamo deciso di mandarle dai nonni che vivono a Livorno. Così per tre settimane io e Luca siamo rimasti da soli a Milano. Pur sapendo di aver fatto la scelta migliore, le nostre bimbe ci mancavano. Un pomeriggio sono entrata nella loro stanza. Era stranamente silenziosa e ordinata. Così mi sono seduta su una delle loro piccole sedie e ho iniziato a guardarmi intorno. Le immaginavo giocare con la cucina, con la clinica mobile della dottoressa Peluche, vestire e spogliare in continuazione le bambole. Poi un pensiero: quanti giochi...troppi!

 
20170827_130648
 

Così ho preso degli scatoloni per toglierne un po' di mezzo. Solo che ogni volta che ne prendevo in mano uno mi assalivano dei dubbi: "questo non lo posso togliere è stato uno dei primi sonaglini di Anna". Oppure: "questo l'hanno regalato i nonni ad Alice per il suo primo Natale". Sconfortata mi sono seduta di nuovo. Ed è stato a questo punto che mi sono venuti in mente Bruscolo e Botolo, i due cagnolini protagonisti del libro La sedia blu di Claude Boujon.

Mentre passeggiano nel deserto Bruscolo e Botolo trovano una sedia blu e subito si mettono a giocare. In un attimo quell'oggetto smette di essere semplicemente quello che è, una sedia, per diventare, grazie alla fantasia dei due amici, una slitta, un camion dei pompieri, un'ambulanza, una scrivania, un banco di un negozio e molto altro ancora... Finchè non arriva un cammello, anzi un dromedario, decisamente privo di immaginazione.

 
20170827_130702
 

I bambini sono come Bruscolo e Botolo: hanno molta immaginazione. E a noi adulti spetta il compito di stimolare al massimo questa grande dote. Ma come fa la fantasia ad emergere e svilupparsi nella mente dei nostri bambini se intorno a loro ci sono troppi stimoli, troppi input a cui prestare attenzione? Se nella mia cameretta ho 20 bambole, una carrozzina, un passeggino, cento peluches e mille altre cose, come posso interessarmi ad una sedia e farla diventare ciò che più mi piace?

Ho iniziato a riempire gli scatoloni, questa volta senza più dubbi.

Comments are closed.

//]]>